Nuova contribuzione per aderire a EBNA/FSBA

Il Fondo di Solidarietà Bilaterale per l’Artigianato FSBA parte a far data dal 1° gennaio 2016. La Bilateralità, partita il 1° luglio 2010, è un sistema che coinvolge tutte le imprese aderenti e non alle Associazioni di categoria firmatarie degli accordi medesimi (CONFARTIGIANATO - CNA - CASARTIGIANI - CLAAI) in quanto eroga prestazioni di welfare contrattuale indispensabili a completare il trattamento economico e normativo del lavoratore previsto all’interno dei CCNL artigiani e che rappresentano un diritto contrattuale di ogni lavoratore. L’impresa aderendo alla nuova bilateralità ed ottemperando ai relativi obblighi contributivi, assolve ogni suo obbligo contrattuale nei confronti dei dipendenti. A tal fine i Consigli Direttivi di EBNA e del FSBA hanno deliberato in merito alla nuova contribuzione a cui devono attenersi le imprese ed i loro dipendenti al fine di ottenere le prestazioni previste dal Decreto Legislativo n. 148/2015.

F24 e UNIEMENS: COME VERSARE

Le imprese aderenti verseranno su F24 la quota omnicomprensiva per la nuova bilateralità, e l’iscrizione si perfeziona tramite versamento mensile su modello F24, rigo unico, nella “Sezione INPS” con causale tributo EBNA. La quota ricomprende quanto destinato a EBNA e funzionamento FSBA, la sicurezza sul lavoro, le quote per la rappresentanza e le prestazioni che vengono erogate dagli Enti Bilaterali regionali nonché il loro funzionamento.
I versamenti mensili per contribuire ad EBNA/FSBA sono in sintesi
Aziende per le quali non trovano applicazione i trattamenti di integrazione salariale previsti dal Titolo I° del D.Lgs. 148/2015.
Su F24, sezione INPS, con codice EBNA, per ciascun dipendente Rigo unico dato dalla somma di € 7,65 +0,45% della retribuzione imponibile previdenziale (a carico dell’azienda) +0,15% della retribuzione imponibile previdenziale (a carico dei dipendenti). La quota fissa mensile di € 7,65 è dovuta per intero anche per i lavoratori con contratto part-time in quanto gli stessi usufruiscono in egual misura delle prestazioni.
Su DM10/UNIEMENS, con codice M980, per ciascun dipendente Quota di solidarietà del 10% di contribuzione su un imponibile mensile di € 2,27 (€ 0,23)
Aziende per le quali trovano applicazione i trattamenti di integrazione salariale previsti dal Titolo I° del D.Lgs. 148/2015
Su F24, sezione INPS, con codice EBNA, per ciascun dipendente € 10,42 La quota fissa mensile di € 10,42 è dovuta per intero anche per i lavoratori con contratto part-time in quanto gli stessi usufruiscono in egual misura delle prestazioni.
Su DM10/UNIEMENS, con codice M980, per ciascun dipendente Quota di solidarietà del 10% di contribuzione su un imponibile mensile di € 5,04 (€ 0,50)

RETRIBUZIONE IMPONIBILE PREVIDENZIALE

La retribuzione imponibile previdenziale sulle quali calcolare le quote variabili della contribuzione destinata al FSBA include anche le mensilità aggiuntive contrattualmente previste. In assenza di contribuzione imponibile previdenziale nel mese (es. maternità, infortunio, etc.) andrà comunque versata la quota fissa di € 7,65 per ogni dipendente.

CAMPO DI APPLICAZIONE

Le aziende che devono aderire a EBNA e al FSBA sono, senza limiti dimensionali, tutte le imprese artigiane di cui al codice contributivo INPS CSC 4, e tutte le imprese che adottano un contratto dell’artigianato sottoscritto dalle seguenti confederazioni dell’artigianato (CONFARTIGIANATO - CNA - CASARTIGIANI - CLAAI) e dai sindacati confederali (CGIL CISL - UIL). IL contributo versato da diritto alle prestazioni previste dal D.lgs. 148/2015 ed alle ulteriori prestazioni previste dalla contrattazione collettiva nazionale e regionale in favore dei lavoratori e delle imprese. Il contributo andrà versato per tutti i lavoratori dipendenti in forza (anche per frazione di mese) che sono impiegati a tempo pieno o parziale, con esclusione dei dirigenti e dei lavoratori a domicilio. Altresì sono escluse le imprese che adottano CCNL dell’Edilizia.

IMPRESE PER LE QUALI TROVANO APPLICAZIONE I TRATTAMENTI DI INTEGRAZIONE SALARIALE PREVISTI DAL TITOLO I° DEL D.LGS. 148/2015

Sono quelle imprese, sia artigiane che non, che applicano i CCNL dell’Artigianato, e che sono beneficiarie di trattamenti di integrazione salariale previsti dal Titolo I° del D.Lgs. 148/2015 (ad es. imprese industriali soggette a Cigo e/o Cigs, imprese artigiane dell’indotto con più di 15 dipendenti soggette a Cigs, etc.)

CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA’ INPS CON CODICE M980

La quota di solidarietà del 10% di contribuzione, prevista dalle legge 103/1991, è dovuta per la contribuzione di euro 27,25 e 60,50 annui rispettivamente per le imprese per le quali non trovano o trovano applicazione i trattamenti di integrazione salariale previsti dal Titolo I° del D.Lgs. 148/2015, ed è relativa alle prestazioni ed al funzionamento degli Enti Blaterali regionali.

COSA PREVEDE L’ADESIONE AL FSBA?

Il Fondo erogherà alternativamente le due prestazioni previste dal del D.Lgs. 148/2015:
  • l'assegno ordinario di cui all'art. 30 per 13 settimane; oppure
  • l'assegno di solidarietà di cui all'art. 31 per 26 settimane.
L'arco temporale di riferimento per la fruizione di questi trattamenti è il "biennio mobile", che decorre dal momento in cui l'impresa accede ad un primo intervento di sostegno al reddito erogato dal FSBA. Le due prestazioni sono fruibili nel caso in cui si verifichino eventi che determinano un calo delle attività produttive quali:
  • eventi transitori e non imputabili all'impresa o ai dipendenti, ivi comprese le situazioni climatiche;
  • situazioni temporanee di mercato.
Per accedere ai fondi cliccare su https://areariservata.fondofsba.it/FSBAWeb